Lavoro dell'onicotecnica Natalia Fuks

Onicotecnica: che cos’è e cosa fa?

Condividi

Che cos’è l’onicotecnica? Da dove nasce la ricostruzione delle unghie? Quali corsi di ricostruzione unghie scegliere? Ci sono delle scuole di ricostruzione unghie?
In questo articolo troverete queste e molte altre risposte, ti aiuterò a conoscere le informazioni più importanti per cominciare ad esplorare questo incredibile mondo della ricostruzione unghie!
Infine ti parlerò dei vari corsi di onicotecnica

Lascia che ti spieghi meglio come diventare onicotecnica professionista

ONICOTECNICA: FA SOLO RICOSTRUZIONE UNGHIE?

onicotecnica professionista

 

La risposta è no. Spesso con il nome di ricostruzione unghie ci si riferisce in realtà a tantissime attività svolte dalla onicotecnica 

Come dice la legge 1/90 per le estetiste, un onicotecnico è il tecnico specializzato nella ricostruzione delle unghie che agisce con lo scopo esclusivo di mantenere le unghie naturali sane, migliorarne e proteggerne l’aspetto estetico, anche attraverso l’eliminazione o l’attenuazione degli inestetismi presenti.

La professione della onicotecnica in realtà include:

  • Manicure
  • Pedicure
  • Smalto semipermanente
  • Nail art
  • Ricostruzione unghie

COME NASCE LA RICOSTRUZIONE UNGHIE?

La tecnica di ricostruzione unghie nasce circa negli anni ’60, negli Stati Uniti, dove le prime rinomate clienti furono proprio le attrici hollywoodiane.

Si racconta che la tecnica di ricostruzione delle unghie sia stata inventata da un dentista…

Lo so sembra strano ma continua a leggere…

Dicevo, questo dentista voleva in qualche modo aiutare la moglie che mordicchiava continuamente le sue povere unghie. Prese i materiali che usava per ricostruire e sistemare le corone dentali, li sistemò sulle unghie modellandoli e…fu un successo!

Anche oggi l’onicofagia, l’abitudine compulsiva a mangiare le proprie unghie, è presente ed è una delle cause più diffuse del ricorso alla ricostruzione delle unghie.

A chi lo fa da molto tempo infatti il letto ungueale si deforma, l’eponichio e la banda epidermica si inspessiscono, la pelle attorno rimane strappata, sanguina e provoca dolore.

In questi casi tornare ad un’unghia sana senza intervento è difficile e richiede molto tempo, ma con una buona manicure e ricostruzione dell’unghia questa ricrescerà molto più alla svelta, protetta dal prodotto usato.

Quindi avrai capito come la tecnica di ricostruzione unghie oggi è in realtà necessaria sia agli uomini che alle donne.

Alle donne moderne soprattutto! Viviamo una vita frenetica, usiamo prodotti chimici per lavare, lavoriamo, siamo mamme e anche casalinghe…uno smalto normale durerebbe al massimo qualche ora! La ricostruzione unghie correttamente eseguita garantisce invece una durata di 3/4 settimane.

Esattamente ciò che ci serve.

ONICOTECNICA: come diventare una professionista?

In Italia la legge stabilisce che per poter esercitare la professione di onicotecnica e poter in futuro aprire un proprio studio occorre essere una estetista diplomata presso la scuola di estetica (2 anni più 1).

Tuttavia ci sono due problemi:

  1. Non esiste un programma statale, un iter formativo, alle quali le scuole di ricostruzione unghie devono attenersi. Quindi come si può capire se una scuola offre una formazione professionale reale? Domanda assolutamente corretta e ti risponderò nel prossimo paragrafo.
  2. Manca un controllo sulla reale preparazione in merito alla professione di ricostruzione delle unghie.

L’onicotecnica opera su una parte del corpo e quindi bisogna prestare la massima attenzione! Basterebbe veramente poco per creare un disastro: limare eccessivamente l’unghia o addirittura bucarla con la fresa per unghie.

C’è ancora troppa confusione e improvvisazione in questo settore e il rischio di imbattersi in corsi di ricostruzione unghie e scuole di formazione per onicotecniche insoddisfacenti (seppur a basso costo) è molto alto.

COME SCEGLIERE IL CORSO RICOSTRUZIONE UNGHIE?

Questo è forse il punto più importante di tutto quello che ti sto dicendo.

Quale corso di onicotecnica scegliere?

Natalya in giro vedi tanti corsi di onicotecnica, ma cosa cambia da uno piuttosto che un altro.

Da esperta quando mi guardo attorno vedo ancora (purtroppo!) troppe ricostruzioni unghie fatte male, dall’aspetto innaturale, che non durano quanto dovrebbero.

Sento anche tante testimonianze di donne che si lamentano di unghie naturali danneggiate dai trattamenti e dalle rimozioni eseguite nel modo sbagliato.

Ecco perché è importantissimo scegliere corsi di ricostruzione unghie e scuole di onicotecnica che certifichino e garantiscano la loro formazione.

Dunque ecco ciò di cui ti devi assicurare quando scegli il tuo corso di onicotecnica o la tua scuola di ricostruzione unghie:

  • Gli anni di esperienza di chi ti formerà e da quanto tempo l’azienda opera nel settore della ricostruzione unghie
  • Chi sarà l’insegnante, da quanto tempo insegna e soprattutto, verifica attentamente come sono i suoi lavori. Solo chi è grado di produrre ottimi risultati sarà in grado di farli ottenere anche a chi sta imparando.
  • I feedback e recensioni delle allieve che hanno partecipato davvero ai corsi di ricostruzione unghie che stai prendendo in considerazione
  • Chiarezza sui contenuti trasmessi e le modalità di apprendimento, solo così sarà possibile verificare la formazione che poi verrà messa in atto

La formazione della onicotecnica deve essere basata su gradi di specializzazione: si parte in ogni caso dalle basi, per poi specializzarsi in aree di interesse come può essere la nail art o formarsi ad un livello avanzato che ti rende competente a 360° nell’area della ricostruzione unghie.

Quindi fai molta attenzione a chi ti affidi, se ti insegnano tecniche sbagliate o in modo superficiale comprometteranno il risultato nel tuo futuro lavoro.

CONCLUSIONE

Io faccio l’onicotecnica da ormai 15 anni, amo questo lavoro e non lo cambierei con nulla al mondo. È una professione che ti dà grandi soddisfazioni e numerosi riconoscimenti, in primis dalle clienti che soddisfatte continuano a cercarti.

Non ti annoia mai e ti garantisce una sicurezza economica: te lo dico con dati alla mano, è un settore in continua crescita, con un incremento dei risultati nell’ordine del 30% negli ultimissimi anni.

Il mio primo obiettivo è sempre stato quello di dare un ottimo risultato finale, perché sapevo che era quello che poteva garantire il ritorno delle mie clienti…e infatti ad oggi non sono mai stata un giorno senza lavoro, la mia agenda è piena.

Ho continuato a studiare e aggiornarmi, porto continue novità e innovazioni alle mie clienti, e formo nuove professioniste: il mondo nails è davvero ricco di opportunità.

Se il tuo sogno assomiglia un po’ al mio, sarò lieta di conoscerti nelle mie aule corsi.