gel monofasico, cosa è e come si usa

Gel monofasico: che cos’è e come si usa

Oggi vorrei parlarvi del gel monofasico come si usa e che cos’è.

I 3 metodi più utilizzati e professionali di ricostruzione unghie sono il gel, l’acrilico e l’acrigel.

Tutti questi si differenziano per il modo di applicazione e la loro densità, tuttavia anche se sono molto diversi tra loro tutti e tre sono ottimi da utilizzare nella ricostruzione unghie.

La ricostruzione in gel è la più utilizzata attualmente sul mercato. All’interno di questa categoria però esistono diversi sistemi e diversi tipi di gel da ricostruzione: il Gel trifasico, il Gel Bifasico, e il Gel Monofasico. Nelle prossime righe vi racconterò tutto, dalla A alla Z circa questo prezioso strumento della ricostruzione delle unghie.

Che cos’è il Gel Monofasico

gel monofasico pro white, cosa è e come si usa

Il Gel monofasico è un gel che si utilizza per la ricostruzione delle unghie.
È molto comodo da utilizzare rispetto ad un sistema trifasico perché è base, costruttore e sigillante lucido in un unico prodotto.

In altre parole nel sistema trifasico si deve per forza avere tre barattoli di gel, perché ognuno ha una specifica funzione:

  • Uno conterrà il prodotto indicato solo per fare la base
  • Uno servirà solo per fare l’allungamento
  • A parte ci sarà un altro prodotto che funziona da sigillante lucido.

Mentre con il gel monofase tutto questo si ottiene con un solo prodotto, soprattutto se vuoi fare la base e costruzione in un unico passaggio.

A differenza del gel monofasico il Sistema Trifasico richiede di mettere prima la base, poi polimerizzare e solo dopo fare il rinforzo o l’allungamento.

Dunque il gel monofasico garantisce un importante risparmio di tempo per noi professioniste. L’applicazione del gel sulle unghie naturali diventa notevolmente più veloce e, per esempio, con un solo strato un po’ più abbondante si possono rinforzare le unghie, renderle ordinate e lucide.

Continua a leggere mi raccomando, perché nel prossimo paragrafo ti spiego come si usa il gel monofasico.

Come si usa il Gel Monofasico

Per prima cosa assicurati di avere tutto l’occorrente per poter eseguire una ricostruzione delle unghie con il gel. Per eseguire l’allungamento o la copertura delle unghie con il gel monofase infatti hai bisogno dei seguenti prodotti:

  • Spingipelli acciaio inox
  • Ammorbidente delle cuticole (Cuticle Remover)
  • Primer
  • Gel monofase
  • Cleanser

Prima di iniziare qualsiasi trattamento ti consiglio di lavare bene le mani con il sapone. Ti dico questo che ti può sembrare banale perché è essenziale rimuovere vari residui di oli e creme sulle mani, questi infatti possono compromettere l’adesione del gel da ricostruzione.

Per eseguire correttamente il trattamento di ricostruzione unghie con il gel monofasico sarebbe utile effettuare alcuni passaggi, innanzitutto una manicure perfetta andando a rimuovere in modo delicato le cuticole.

Gel Monofasico: Passaggi da seguire

Ecco tutti i passaggi che devi seguire, ho aggiunto preziosi consigli nati dagli anni di esperienza sul campo.
Gli stessi che offro alle mie allieve nei cosi HDNails® Academy:

  1. Lavarsi le mani
  2. Eliminare le cuticole: devi applicare con attenzione il Cuticle Remover sulle cuticole, lasciarlo agire un minuto, per poi rimuovere le cuticole con lo spingipelle in maniera molto delicata. Con manicure combinata usa spingipelle e una fresa per unghie
  3. Limare il bordo libero e opacizzare la lamina ungueale con lima 180
  4. Eliminare la polvere con la spazzolina e Spray Prep
  5. Applicare il primer acid free Base Proteina, lascia che asciughi per 60 secondi all’aria.
  6. Applicare la nail form
  7. Strato sottile di gel base per aumentare l’aderenza (o monofasico o bifasico), fai molta attenzione al giro cuticole, cerca di non toccarle ma copri tutta la superficie dell’unghia accuratamente. Se tocchi le cuticole o lasci spazi vuoti senza coprire l’unghia naturale interamente si possono creare distaccamenti del prodotto.
  8. Metto la prima “pallina” di gel a metà fra unghia naturale e inizio della nail form e creo la struttura sottile della punta, unendo uniformemente allo strato sottile di base che ho applicato allo step 7
  9. Polimerizzo 30 secondi ed effettuo pinching
  10. Applico la seconda “pallina” di prodotto nella zona 2 per creare la bombatura e la distribuisco uniformemente su tutta la lunghezza senza appiattire l’apice
  11. Polimerizzo 30 secondi ed effettuo pinching se necessario
  12. Posso aggiungere un altro strato di gel solo se necessario
  13. Sgrasso tutta la superficie
  14. Completo la limatura
  15. Passo il buffer seguendo i movimenti della limatura
  16. Applico il colore in due mani sottili o delineo lo smile-line per la french
  17. Stendo il Top in strato sottile, polimerizzo 60 secondi e sgrasso se necessario.

Ecco il gel monofasico come si usa in modo corretto, può sembrare complicato senza una guida professionale, se non sei soddisfatta dei risultati che ottieni o vuoi imparare la tecnica in modo professionale la mia HDNails Academy è aperta: lì troverai i corsi di ricostruzione unghie per Genova.

Come scegliere il monofasico adatto per lavorare velocemente e risparmiare tempo

Come tutti i prodotti anche per il Gel Monofasico esistono diverse tipologie che si differenziano per consistenza (o densità) e colore.

Il gel monofasico può essere: denso, meno denso o liquido, autolivellante o non autolivellante, colorato o trasparente.

Dunque quale è il più adatto? Domanda giustissima! Questo dipende dal tipo di trattamento che dobbiamo eseguire, non preoccuparti ora ti spiego tutto.

Ad ogni trattamento la sua densità 

 Molto dipende dalla nostra manualità, per questo motivo se non sei molto esperta con il gel ti consiglio di utilizzare prodotti non densi, che non si autolivellano facilmente. Al contrario faresti fatica a modellare la forma dell’unghia e impiegheresti molto tempo nella limatura della ricostruzione stessa.

La densità da scegliere dipende dalla lunghezza delle unghie che dobbiamo ricostruire o la grandezza di superficie da ricoprire:

  • Se dobbiamo fare un’unghia medio-corta è meglio utilizzare un prodotto di densità media, preferibilmente autolivellante perché in poco tempo si riesce a stenderlo, si livella da solo mantenendo una forma armonica senza creare onde.
  • Se l’unghia che dobbiamo fare è lunga bisogna usare un prodotto piuttosto denso perché più superficie abbiamo da coprire e più prodotto bisogna mettere.

Possiamo inoltre girare il dito in giù rovesciando la mano per qualche secondo e in questo modo il gel monofasico si livella creando l’apice al centro della nostra lamina.

Se dobbiamo eseguire un refill dobbiamo utilizzare il gel di consistenza media dato che l’unghia è già pronta e dobbiamo solo colmare la crescita.

Oppure nel caso di un refill su un struttura onicofagica dove mancano i laterali e devono essere aggiunti, la consistenza che preferirei utilizzare sarà senz’altro densa e non livellante

In tutti i casi in cui si sceglie un gel monofasico liquido e autolivellante dobbiamo essere molto veloci nel stenderlo e non farlo colare ovunque!

Per impiegare meno tempo durante la ricostruzione e il refill ti consiglio di cercare di applicare il prodotto con attenzione e molto preciso: è questa la reale fase a cui devi dedicare del tempo. Molte professioniste pensano “tanto dopo limo”, ma così facendo nell’esperienza si è verificato che il tempo che richiede la limatura è maggiore del tempo che si può dedicare alla stesura precisa.

Se vuoi diventare una professionista è questo il tuo obiettivo: stendi precisa e lima poco.

La densità e temperatura dell’ambiente di lavoro

Fai molta attenzione a questo aspetto perché il gel cambia la sua consistenza in base alla temperatura dello studio.

La temperatura ideale per la ricostruzione e la lavorazione del gel è di circa 23 gradi centigradi. Se la temperatura si abbassa il gel diventa più denso e più difficile da lavorare.

Ti racconto un segreto…Puoi riscaldarlo leggermente

Di solito si può utilizzare uno scalda vivande elettrico, controlla però che non diventi troppo bollente mi raccomando, deve mantenere una temperatura tiepida.

E nei mesi estivi? Quando la temperatura si alza molto, il gel monofasico ne risente, diventa liquido ed è più facile che coli. In questo caso il mio consiglio è usare meno quantità e fare uno strato in più, se possibile è da preferire quello un po’ più denso.

Inoltre c’è un altro aspetto che devi considerare: il ricircolo d’aria. Quando si lavora è bene ripulire l’ambiente dalle polveri sottili, il condizionatore e il deumidificatore vi aiuterà a mantenere la temperatura mite.

Gel Monofasici trasparenti o colorati 

In commercio esistono gel monofasici trasparenti ma anche colorati.

I colori potrebbero essere diversi: Monofasico trasparente, rosa trasparente, rosa lattiginoso, bianco lattiginoso o color carne. Quale scegliere dunque?

Se sei all’inizio e stai facendo pratica ti consiglio di evitare quello trasparente, semplicemente perché è molto difficile vederlo sia sulla nail form, quando si fa ricostruzione, sia nella fase di limatura.

È molto utile al giorno d’oggi avere diverse colorazioni per venire incontro alle esigenze ad ogni cliente! Stanno aumentando le richieste di effetti nudo e naturali: ci sono clienti che preferiscono colori sul rosato, altre sul biancastro ed altre ancora richiedono il colore beige.

Anche in questo caso con il Gel Monofasico colorato si risparmia tempo, ad esempio se ho un’unghia corta posso applicare come base già il colore beige, faccio il rinforzo, l’apice, sgrasso, limo e lucido: voilà la struttura è pronta!

Da notare che lo posso utilizzare anche come base per il french oppure per una sfumatura, per esempio nel baby boomer colorato

E ora un ultimo segreto…sei pronta?

In realtà esattamente come fanno i pittori tu puoi miscelare un monofasico con un altro, basta che appartengono alla stessa marca. Così facendo puoi creare il colore che ti piace e ottenere la densità che ti permette di lavorare più facilmente.

Per esempio, se hai un monofasico cover troppo rosato puoi mischiarlo con uno bianco latte o beige, il rosa si attenuerà e puoi raggiungere la tonalità che ti piace di più.

Ancora, se hai un gel monofasico denso e uno liquido li puoi mischiare creando così la consistenza media. Se è troppo liquido puoi aggiungere direttamente nel vasetto quello denso per donargli un po’ di consistenza e viceversa.

Conclusione

Come avrai capito l’utilizzo di questo prodotto richiede una certa attenzione, l’esecuzione errata può creare danni alla lamina dell’unghia, per questo motivo è bene che venga svolto solo da persone qualificate, che si siano preparate in corsi di ricostruzione unghie. Decisamente meglio evitare la ricostruzione fai da te se non hai mai fatto alcun corso qualificante.

La professione di onicotecnica è una vera arte, la migliore preparazione per gestire questa arte è da un lato una buona formazione, e dall’altro tanta, tanta, tanta pratica. Se sei appassionata e vuoi diventare una onicotecnica professionista troverai tutto questo nelle nostre aule corsi HDNails Academy. Il tuo successo è la nostra più grande soddisfazione.